Agriturismi

Per "attività agrituristiche"si intendono le attività di ricezione e ospitalità esercitate dagli imprenditori agricoli (anche nella forma di società di capitali o di persone) oppure associati fra loro, attraverso l'utilizzazione della propria azienda in rapporto di connessione con le attività di coltivazione del fondo, di silvicoltura e di allevamento di animali. L'azienda agrituristica si definisce per tipologia e servizi offerti.

La "tipologia agrituristica" si riferisce al tipo di attività esercitata, in relazione all'uso delle strutture ricettive disponibili. Si distinguono due tipologie di azienda agrituristica:

  1. agriturismo in forma familiare;
  2. agriturismo in forma aziendale.

Sono attività agrituristiche, nel rispetto delle modalità e dei limiti previsti dalle vigenti normative regionali in materia:

  1. dare ospitalità in alloggi o in spazi aperti attrezzati per la sosta dei campeggiatori fino ad un massimo di sessanta ospiti al giorno;
  2. somministrare pasti e bevande, fino ad un massimo di centosessanta pasti al giorno, costituiti prevalentemente da prodotti propri e da prodotti acquistati da aziende agricole della zona, compresi i prodotti a carattere alcolico e superalcolico, con preferenza per i prodotti tipici regionali e caratterizzati dai marchi DOP, IGP, IGT, DOC e DOCG o compresi nell'elenco regionale dei prodotti agroalimentari tradizionali;
  3. organizzare degustazioni di prodotti aziendali, inclusa la mescita di vini;
  4. organizzare, nell'ambito dell'azienda o delle aziende associate o anche all'esterno dei beni fondiari nella disponibilità dell'impresa, attività ricreative, culturali, educative, seminariali, di pratica sportiva, fattorie didattiche, fattorie sociali, aziende agrituristico-venatorie, attività di ittiturismo, di pesca-turismo, attività escursionistiche e di ippoturismo, anche per mezzo di convenzioni con gli enti locali finalizzate alla valorizzazione del territorio e del patrimonio rurale.

Prerequisiti

L'imprenditore agricolo che intende svolgere attività agrituristica deve aver richiesto ed ottenuto dalla Provincia nel cui territorio viene svolta l'attività agricola:
1) il Certificato di connessione dell'attività agrituristica con quella agricola;
2) l'iscrizione nell'Elenco degli Operatori Agrituristici: la domanda di iscrizione può essere presentata dal titolare, contitolare o coadiuvante familiare di un'azienda agricola, iscritta al Registro delle Imprese presso la Camera di Commercio, in possesso del certificato di connessione, con età non inferiore ai 18 anni e a seguito dell'acquisizione, tramite la frequenza ad un corso di formazione, di attestato di operatore agrituristico.

Relativamente al possesso dei requisiti soggettivi, in base all'art. 6 della Legge n.96/2006, l'esercizio dell'attività agrituristica non è consentito, salvo che abbiano ottenuto lariabilitazione, a:
a) coloro che hanno riportato nell'ultimo triennio, con sentenza passata in giudicato, condanna per uno dei delitti previsti dagli articoli 442, 444, 513, 515 e 517 del codice penale, o per uno dei delitti inmateria di igiene e di sanita o di frode nella preparazione degli alimenti previsti da leggi speciali;
b) coloro che sono sottoposti a misure di prevenzione ai sensi della legge 27 dicembre 1956, n. 1423, e successive modificazioni, o sono stati dichiarati delinquenti abituali.

Note

L'attività agrituristica può essere esercitata in forma familiare, utilizzando anche l'abitazione e la cucina dell'imprenditore, quando la somministrazione dei pasti non supera i quaranta (40) pasti al giorno e la ricezione non supera i dieci (10) ospiti al giorno.
L'attività agrituristica può essere svolta tutto l'anno oppure, previa comunicazione al Comune, in periodi prestabiliti dall'imprenditore agricolo.
Entro il 1° ottobre di ogni anno, i soggetti che esercitano l'attività agrituristica comunicano al Comune i prezzi minimi e massimi, riferiti ai periodi di alta e bassa stagione, che intendono praticare a decorrere dal 1° gennaio dell'anno successivo.
Le strutture ed i locali destinati all'esercizio dell'attività agrituristica devono avere i requisiti di agibilità previsti per i locali di abitazione, dai regolamenti comunali edilizi e di igiene.
La produzione, la preparazione, il confezionamento, la conservazione e la somministrazione di alimenti ebevande sono soggetti alle disposizioni di cui al regolamento CE n. 852/2004 ed alle normative igienicosanitarie vigenti in materia.

Normativa

  • L. 241/90 art. 19;
  • Legge 20/02/2006 n.96 "Disciplina dell'agriturismo";
  • Regolamento Regionale 06/05/2008 n.4 "Attuazione della legge regionale 08/06/2007 n.10";
  • Legge Regionale 5 dicembre 2008, n. 31 "Testo unico delle leggi regionali in materia di agricoltura, foreste, pesca e sviluppo rurale" (Titolo X);
  • Decreto Direttore Centrale 18 marzo 2011, n. 2481 "Adeguamento degli schemi di dichiarazione e dei relativi allegati in attuazione della l.r. 2 febbraio 2007 n. 1, art. 5 alla disciplina SCIA di cui al d.l. 31 maggio 2010 e approvazione schema incarico per la loro sottoscrizione digitale e presentazione telematica", rettificato dal d.d.g. 21 marzo 2011, n. 2520

Istruzioni presentazione pratica

Per presentare la pratica accedi al portale Impresainungiorno.gov.it

impresainungiorno

Al quale potrai fare login tramite
Utente e Password login
O tramite Certificato digitale (CRS/CNS) cns

Attiva una nuova pratica scegliendo

Commercio e servizi -> Strutture ricettive -> Agriturismo







Per presentare la pratica scegli il comune:



Questo sito utilizza i cookies. Utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire all’utilizzo dei cookies in conformità con i termini d'uso. Per avere informazioni aggiutive in merito ai cookies che utilizziamo, visualizza la nostra Cookie policy.

Io accetto i cookies da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information