Parafarmacia

E' definita "parafarmacia" l'esercizio nel quale viene effettuata la vendita al dettaglio dei farmaci da banco o di autoformazione (Art. 9-bis DL 18/09/2001 n. 347 convertito i legge il 16/11/2001 n. 405) e di tutti i farmaci prodotti non soggetti a prescrizione medica.

Il titolare di un esercizio commerciale (esercizi di vicinato, medie e grandi strutture), che intende effettuare la vendita al dettaglio dei farmaci da banco o di automedicazione, e/o di farmaci non soggetti a prescrizione medica, deve presentare, alla Regione Lombardia – Direzione Generale Sanità, all’ASL di appartenenza territoriale un’apposita comunicazione.

Oltre alla presentazione inizio attività al SUAP è obbligatoria la comunicazione ai seguenti enti:

  • Ministero della Salute 
  • Regione Lombardia
  • AIFA (Circ.Min.Salute 3.10.06, n. 3)

Modalità di vendita

Se all'interno di altra struttura (es. vicinato, media struttura) sono da rispettare le seguenti modalità:

  • durante l'orario di apertura dell'esercizio commerciale nell'ambito di un apposito reparto presenza e assistenza personale e diretta di uno o più farmacista;
  • sonon vietati concorsi, operazioni a premio e vendite sotto costo e operazioni di fidelizzazione (DGR Lombardia 4 ottobre 2006 - n. 8/3271)
  • ammesso sconto, purchè:
    • esposto in modo leggibile e chiaro
    • praticato a tutti clienti 
  • spazio dedicato esclusivamente alla vendita e conservazione dei medicinali:
    • corner
    • singolo scaffale
    • parte di uno scaffale
    • superficie idonea e funzionale al servizio
    • separato con parete o vetrata
    • inaccessibile in assenza del farmacista
    • dotato di registratore fiscale
    • installazioni e attrezzature idonee e sufficienti a garantire buona conservazione e distribuzione

In questa tipologia di esercizi:

  • è necessaria la presenza di almeno un farmacista abilitato all’esercizio della professione ed iscritto al relativo albo;
  • è consentito l’uso della dicitura "PARAFARMACIA" nell’insegna degli esercizi commerciali e/o nella denominazione ma non nella descrizione dell'attività in quanto si tratta di un dato identificativo e non descrittivo. In ogni caso, non dovranno essere utilizzate denominazioni e simboli (croce verde) che possano indurre il cliente a ritenere che si tratti di una farmacia;
  • è esclusa la vendita delle preparazioni medicinali non industriali quali le preparazioni farmaceutiche e di formule officinali, riservate alle farmacie;

Normativa

  • Art. 5 del D.L. 4 agosto 2006 n. 223 come modificato dalla legge 04.08.2006 n. 248;
  • Delibera di Giunta Regionale n. 3271 del 04.10.2006 - Circolare Regionale H1.2006.0043954 del 06.10.2006
  • Circolare del Ministero della Salute 3 ottobre 2006 n. 3
  • Decreto legge 18 settembre 2001 n. 347, convertito in legge, con modificazioni, dall'art. 1, L. 16 novembre 2001, n. 405 - art.9-bis. Medicinali non soggetti a ricetta medica.” 1. Le confezioni esterne dei medicinali non soggette a ricetta medica immesse sul mercato a partire dal 1° marzo 2002 devono recare un bollino di riconoscimento che ne permetta la chiara individuazione da parte del consumatore; il bollino sarà definito con decreto non regolamentare del Ministro della salute da emanare entro sessanta giorni dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto. È ammesso il libero e diretto accesso da parte dei cittadini ai medicinali di automedicazione in farmacia”
  • Ministero Sviluppo Economico Risoluzione 20 dicembre 2006, prot.11072;
  • Ministero Sviluppo Economico Risoluzione 10 maggio 2007, prot.4630;
  • Ministero Sviluppo Economico Risoluzione 27 giugno 2007, prot.6532; 
  • Ministero Sviluppo Economico Risoluzione 1 ottobre 2007, prot.9156.

Istruzioni presentazione pratica

Per presentare la pratica accedi al portale Impresainungiorno.gov.it

impresainungiorno

Al quale potrai fare login tramite
Utente e Password login
O tramite Certificato digitale (CRS/CNS) cns

Attiva una nuova pratica scegliendo

Commercio e servizi ->Commercio->  Parafarmacia

parafarmacia - 001

Istruzioni di compilazione

Scelta del destinatario della pratica

2 - gioco lecito



Nella sezione "Scelta destinatario della pratica" scegliere solo il comune di competenza

Per presentare la pratica scegli il comune:



Questo sito utilizza i cookies. Utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire all’utilizzo dei cookies in conformità con i termini d'uso. Per avere informazioni aggiutive in merito ai cookies che utilizziamo, visualizza la nostra Cookie policy.

Io accetto i cookies da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information